Materiale informativo

BROCHURE INFORMATIVE SULLE PATOLOGIE DA CALORE, SUI FATTORI CHE CONTRIBUISCONO ALLA LORO INSORGENZA E SULLE RACCOMANDAZIONI DA SEGUIRE PER UN’EFFICACE PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI AZIENDALI IN MATERIA DI PREVENZIONE DEL RISCHIO MICROCLIMA, DA ADOTTARE NELL’AMBITO DELLA SPECIFICA ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DI PREVENZIONE AZIENDALE (AI SENSI ART. 2 COMMA 2 D.LGS. 81/08).

Informativa sulle patologie da calore e sui fattori che contribuiscono alla loro insorgenza

Decalogo per la prevenzione delle patologie da calore e da esposizione a radiazione nei luoghi di lavoro

NUOVO DECALOGO 2024

Le condizioni croniche che aumentano la suscettibilità al caldo

L’importanza di mantenere un buono stato di idratazione

L’importanza delle pause programmate per i lavoratori esposti al caldo

Si ricorda che è compito e cura del datore di lavoro – tramite il Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi – l’individuazione delle procedure specifiche per l’attuazione delle misure ivi descritte, nonché dei ruoli dell’organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, e a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri, secondo quanto prescritto dal D.lgs. 81/08.

Materiale Divulgativo

Report di progetto – Linee guida – fact sheets

Report attività Obiettivo specifico 3 su Soluzioni tecnologiche innovative utili in vari ambiti occupazionali tenendo conto dei livelli di rischio e che potrebbero contribuire a contrastare gli effetti dovuti agli estremi termici in generale e il caldo in particolare

Obiettivo Operativo 3 (O3) Individuazione e sviluppo di soluzioni organizzative e procedure operative: Report attività 3.1 (A 3.1) Soluzioni tecnologiche innovative utili in vari ambiti occupazionali tenendo conto dei livelli di rischio e che potrebbero contribuire a...

leggi tutto
Il vecchio e il muro – cortometraggio del regista Antonio Palumbo

“Il Vecchio e il muro” è il cortometraggio firmato dal regista Antonio Palumbo, che racconta la storia di Mimmo (interpretato dall’attore Paolo Sassanelli) detto “Hemingway” e del murales che lo ritrae, nell’ambito dell’attività di informazione e prevenzione delle malattie professionali che danneggiano la pelle promossa da Inail Puglia, in collaborazione con Cisl e LILT Bari .

La pelle di Mimmo, ‘bruciata’ e mangiata dal sole a causa di anni di duro lavoro nei cantieri stradali in assenza di misure di protezione adeguate, è allegoria della fatica e della sofferenza alle quali si diventa spesso refrattari quando si lavora sotto il sole, in una torrida estate pugliese, a distanza ravvicinata dal bitume rovente che appiattisce le strade.

E’ proprio il murales, del quale diventa protagonista, con i suoi colori consunti, scrostati e sbiaditi dal sole e nel quale tutti lo riconoscono grazie al suo aspetto caratteristico ed alla sua notorietà di quartiere, che segnerà una sorta di ‘catarsi’ per Mimmo: riconoscendosi in esso, infatti, non si darà pace fino a quando l’artista dell’opera non apporrà una sola, decisiva modifica: un cappellino per schermarlo dai raggi solari.

L’opera di Antonio Palumbo, mira a sensibilizzare i lavoratori sui danni derivanti dall’esposizione prolungata ai raggi solari, e, attraverso la narrazione, ad accrescere la consapevolezza dei rischi per la salute, in particolare dei tumori e delle malattie della pelle.

i partner

Informativa Privacy